Sara e LVenture Group: Open Innovation

16-01-2018

16.01.2018

AI WorkLab, il programma di incubazione dedicato al settore dell'Intelligenza Artificiale e lanciato da LVenture Group e LUISS ENLABS in partnership con BNL Gruppo BNP Paribas, BNP Paribas Cardif, Sara Assicurazioni, Cerved Group e Payback, oggi prende il via!

Dopo una chiamata di cinque mesi, dieci startup fortunate sono state selezionate per avere accesso a un programma di tre mesi per trasformare le loro idee di business in MVP.

Scopriamo insieme le startup selezionate:

AiMed utilizza l'Intelligenza Artificiale per introdurre soluzioni convenienti per il monitoraggio e la prevenzione delle malattie nei settori sanitari fornendo la migliore soluzione di monitoraggio della salute per l'utente finale e la sua famiglia. Ciò consente la possibilità di un migliore follow-up con medici, cliniche e ospedali.

Aisblood è un'intelligenza artificiale che agirà nel campo dell'analisi del sangue, individuando soluzioni professionali su misura per i clienti e supportando il medico attraverso una valutazione di screening dei rapporti di laboratorio.

MultiplAI fornirà una nuova tecnologia di analisi AI per ridurre al minimo i costi di ricerca e sviluppo e massimizzare il valore estratto, concentrandosi sulla complessa integrazione dei dati.

Gaia è un chatbot come motore principale per la comunicazione tra i membri del team: possono chiedere informazioni ai colleghi direttamente al chatbot e ricevere una risposta immediata, nonché aggiornare le informazioni su se stessi in modo che i colleghi possano chiedere direttamente al chatbot senza disturbare nessuno.

Getcoo ha sviluppato una tecnologia proprietaria di Intelligenza Artificiale che consente di identificare oggetti e strumenti specifici in modo accurato e istantaneo. Il processo di identificazione richiede in genere tempo e personale esperto. Il costo del processo di identificazione è, quindi, superiore all'oggetto stesso.

Holsys è lo strumento che crea automaticamente AI dai flussi di dati dei sensori che possono essere eseguiti su qualsiasi tipo di dispositivo. Collegando i widget, chiunque può disegnare e implementare le sue logiche di interpretazione del sensore senza scrivere codice. Grazie all'autoapprendimento, la fase di addestramento e il set di dati preliminare vengono saltati. Tutto ciò consente di implementare 5 volte più velocemente delle soluzioni attuali.

Indigo è una piattaforma di intelligenza artificiale che utilizza chatbot e machine learning per consentire alle aziende di automatizzare esperienze personalizzate con i clienti tramite chat. La piattaforma si basa su una raccomandazione proprietaria e algoritmi di apprendimento automatico. Sfruttando la nostra elaborazione del linguaggio naturale.

Pasto utilizza Machine Learning per comprendere le preferenze, i gusti e le abitudini alimentari, quindi suggerisce nuove idee su cosa cucinare con gli ingredienti presenti nel frigo interagendo solo con i comandi vocali. Pasto analizza e interpreta la richiesta fornendo una raccomandazione personalizzata comprendendo le esigenze dell'utente.

Pigro è un motore di ricerca autoapprendimento basato su AI che consente di interrogare i contenuti delle organizzazioni utilizzando un linguaggio naturale. Le organizzazioni fanno enormi sforzi (in termini di tempo e denaro) per creare contenuti di valore che non siano facilmente individuabili, nel frattempo gli utenti perdono tempo nella ricerca di contenuti. Pigro converte il contenuto in informazioni di facile consultazione con linguaggio naturale. L'analizzatore di relazioni utilizza l'intelligenza artificiale e l'analisi dei dati dai social network per definire le corrispondenze dei partner trovati tramite le app di appuntamenti online. Troppe corrispondenze / profili falsi / profili non adatti. Il chatbot fornisce feedback e profilazione su entità abbinate. Assegna categorie / caratteristiche alle corrispondenze nelle app di appuntamenti, suggerendo quelle più adatte per l'utente.

 

01.10.2017

Fino al 30 novembre sono aperte le candidature al programma di accelerazione "AI WorkLab" che verrà presentato ufficialmente il prossimo 25 settembre presso la sede di LUISS ENLABS.

L'intelligenza Artificiale permetterà di dare nuova spinta al progresso umano e raggiungere tassi di crescita esponenziale mai visti prima. L’industria assicurativa può migliorare innovando: questo è il principio alla base dell’InsurTech, settore in cui l’AI trova alcune delle sue applicazioni più efficaci.

Sara Assicurazioni S.p.A. è lieta di collaborare a questa iniziativa di Open Innovation che LVenture Group organizza per creare connessioni reciprocamente benefiche tra startup e grandi aziende. #AIWorkLab

 

20.09.2017

Al via “AI WORKLAB”, il programma di incubazione dedicato all'intelligenza artificiale lanciato in collaborazione con BNL Gruppo BNP Paribas, Cerved Group Spa, PAYBACK  e Sara Assicurazioni S.p.A. che si inserisce tra le iniziative di Open Innovation di LVenture Group e LUISS ENLABS. La call per partecipare al programma è aperta a startup e talenti individuali fino al 30 novembre 2017. I 10 team selezionati riceveranno un grant di 2.500 euro (equity free) e a gennaio inizieranno un percorso di 3 mesi volto a dar vita alle idee imprenditoriali e a testarle sul mercato, con il supporto degli esperti di LUISS ENLABS e delle aziende partner.

 

26/07/2017

LVenture Group, operatore di venture capital quotato al MTA di Borsa Italiana, annuncia l’ingresso di Sara Assicurazioni come nuovo partner per l’acceleratore di startup LUISS ENLABS, nato nel 2013 da una joint venture tra LVenture Group e l’Università LUISS.

L'accordo, frutto di un reciproco interesse a collaborare nell’ambito di attività di Open Innovation realizzate da LUISS ENLABS e ad esplorare nuovi eventuali sviluppi di business, rafforza e amplia il perimetro della collaborazione strategica già in essere tra LVenture Group e Sara Assicurazioni. Sara Assicurazioni, infatti, già azionista di LVenture Group, ha recentemente incrementato la sua partecipazione sottoscrivendo parte dell'aumento di capitale riservato della Società deliberato a maggio scorso, arrivando così a detenere una quota complessiva pari al 2,49%.

In questo modo la compagnia assicurativa, da sempre attenta all’innovazione, si lega a doppio filo con il mondo della tecnologia e delle startup con l’obiettivo di promuovere al proprio interno lo sviluppo di idee innovative da parte dei dipendenti del gruppo e di soggetti esterni tra cui talenti e startup.

Condividi questo articolo